1000usi E… UN ROMANZO!

Erasmo Cavazzoni – “Il pensatore solitario”

Ma c’è chi dice: “Mettetemi in terra e piantateci un albero.”

“Che albero?” chiedono gli eredi.

Un albero di ciliegie”, perché uno spera che i nipoti mangino poi le ciliegie e lui torni a vivere in loro, nel senso che i nipoti mangiando una ciliegia diranno: “Ah com’è buono lo zio! Assaggialo!”… Ogni giardino può essere un cimiterino, una pianta per ogni defunto, le mele renette sono lo zio Carlo, la pianta di cachi il prozio Emilio, era buono, non molto intelligente.

Erasmo Cavazzoni – “Il pensatore solitario”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...